Mentre si sta valutando di comprare una casa, capire l’esatto orientamento ed esposizione al sole nei vari momenti della giornata e dell’anno è assolutamente fondamentale. Queste informazioni servono per definire quanto saranno luminose/buie e calde/fredde le varie zone della casa, e per regolarsi di conseguenza sulla disposizione dei locali, sul loro arredamento, e sulle modalità di utilizzo degli impianti di riscaldamento e di condizionamento.

Ci sono vari modi di capire queste cose, dalle domande all’agente immobiliare e ai vicini, alla visita “diretta” all’edificio nelle varie ore del giorno, fino ad appositi strumenti su internet come per esempio sunearthtools.com, su cui abbiamo calcolato per gioco (vedi immagine di questo articolo) la posizione del sole rispetto alla facciata del Duomo di Milano nelle diverse ore del giorno 1 marzo.

I locali della casa in cui si vive di più durante il giorno sono soggiorno e cucina, e trovano la loro naturale collocazione nelle zone più luminose dell’appartamento. L’ideale è collocarli in modo che siano esposti verso sud. Mentre la zona nord dovrebbe essere dedicata a zona notte e servizi (camere da letto, bagni, cabine armadio, ripostigli e sgabuzzini, ecc.).
Se invece la casa ha un’esposizione est-ovest si può valutare la disposizione degli spazi anche sulla base delle proprie abitudini, oltre che ovviamente della latitudine a cui ci si trova.
A Milano un soggiorno esposto a ovest può risultare quasi inutilizzabile in estate, perché investito dal sole al pomeriggio, nelle ore più calde.
In inverno per contro viene buio presto, quindi è quasi indifferente la collocazione visto che – se si hanno orari di lavoro “canonici” – nelle ore in cui generalmente si può vivere la casa è ancora buio (la mattina presto) e già di nuovo buio (la sera).
Noi abbiamo realizzato un bagno esposto a ovest, che a Milano in estate è quasi impraticabile: non è neppure consigliabile lasciarci prodotti deperibili – per esempio medicinali – a causa delle temperature che raggiunge. Per mitigarle stiamo valutando diversi modi di ombreggiare la finestra.
Abbiamo commesso anche un altro grande errore realizzando la cucina in una stanza esposta sia a est che a ovest. In estate quando non si riesce a creare corrente anche qui le temperature diventano insostenibili. Stiamo pertanto valutando di ombreggiare il lato ovest: a est non è possibile perché è in facciata.
Ombreggiare consente di tenere sotto controllo la temperatura nelle giornate più calde, riducendo quindi le occasioni in cui ricorrere al condizionatore.

Annunci