I pochi elementi d’arredo vengono valutati a lungo per cercare il migliore compromesso tra la necessità di rendere la casa funzionale e quella di non saturare i ridottissimi spazi a disposizione.

L’angolo cottura è costituito da un piccolo piano con piastre elettriche e lavabo, sotto il quale si trovano un piccolissimo frigorifero e un mobile contenitore su rotelle. Il tutto è completato da un paio di mensoline e un bastone al quale appendere i contenitori delle posate, le padelle e altri piccoli accessori.

Aggiungiamo un piccolo tavolino con due sedute di fronte alla finestra verso sud, e un divano letto piccolissimo posto di fronte al caminetto. Caminetto che è stato una piacevole sorpresa scoperta durante la ristrutturazione. Avendo una trave in prossimità della canna fumaria, il caminetto viene adattato al funzionamento a bioetanolo: la canna fumaria diviene così una semplice esalazione.

Il materasso viene collocato sul soppalco che si raggiunge “scalando” la ringhiera.

Sicuramente l’altezza e l’abbondanza di finestre fanno sì che lo spazio, anche se piccolissimo, risulti accogliente e arioso.

Il bagno è ovviamente piccolissimo, ma ha tutto ciò che serve. In una zona il soffitto è un po’ più basso per via di una trave. Viene recuperato un po’ di spazio applicando lo specchio direttamente sul muro e utilizzando i sanitari Small di Ideal Standard.

Anche il bagno è dotato di finestra, tanto ampia rispetto alle sue dimensioni che decidiamo di sfruttarne una parte al di là della parete del bagno stesso, per dare luce anche alla scala attraverso una piccola porzione di vetro cemento.