Continuiamo con il racconto della ristrutturazione della “minicasa” da 18 mq, un sottotetto nel pieno centro del quartiere Navigli a Milano, di cui ho già pubblicato nei giorni scorsi le prime tre puntate (qui il primo articolo sulla scala d’accesso, qui il secondo sul soppalco, e qui il terzo sul bagno).

A questo punto lo “scoglio” del bagno è superato, e la ristrutturazione diventa davvero un progetto fattibile. Questo ha aperto una serie di altri problemi, tutti di fatto connessi alle ridottissime dimensioni dello spazio. Occorreva definire quali elementi funzionali e d’arredo erano davvero indispensabili, dove collocarli, come gestire il “problema guardaroba”, dal momento che non potevamo inserire nessun tipo di armadio. Dal punto di vista strutturale una grande criticità era come riscaldare un ambiente che confina direttamente con l’esterno da 4 parti (tre pareti e il tetto), dal momento che non era possibile allacciarsi alla rete gas a causa delle esigue dimensioni.

Per quanto riguarda gli spazi, in una situazione del genere la ricerca e creazione di nicchie e ripiani può fare davvero la differenza tra una casa davvero accogliente e un sogno irrealizzabile.

Abbiamo cominciato con una modifica del piccolo vano scale, dove abbiamo eliminato la ringhiera sostituendola con delle pareti di muratura in modo da creare due nicchie che si aprono lungo la salita della scala: una da usare come attaccapanni, l’altra come libreria.

Un camino, posto lungo uno dei muri perimetrali della scala, viene adibito a sua volta a nicchia. Lungo uno dei muri perimetrali della scala viene realizzata un’altra nicchia per celare in parte e rendere meno invasivo lo scaldabagno elettrico.

Sopra il bagno viene realizzato un piccolo soppalco in muratura, “gemello” di quello che sarà ricavato a partire dalla parete di fronte e che ospiterà il letto.

Nicchia sopra il bagno
La nicchia sopra il bagno, che sarà accessibile dal soppalco

Tutti questi spazi ricavati, quindi, sostituiranno i mobili, per i quali non c’è spazio. decidiamo di sfruttare al massimo la scala, realizzando anche alcune piccole mensole per i libri. In particolare viene realizzata una piccola mensola in cartongesso per coprire un tubo realizzato per tamponare un’irregolarità realizzata nell’appartamento confinante.